sabato 10 gennaio 2015

A LUNA

(dal Web)

        Stasira  a luna  pari che   mi   parra                                          
       mi  talia  cu l’occhi   a  vanidduzza                                            
e  ca vucca  aperta: chi  mi  voli  diri…?                               
forsi  di scurdarimi   i  peni e  nun  suffriri                    
 picchì  a  vita scurri e vola                                                                      
e  na  matina  sinza  priavvisu                                                           ti trovi intra ‘natra dimensioni                                 
                
t’hai  affannatu  pi  costruiriti  na  posizioni                                   
hai cumbattutu  pi putiri  acchiappari  i to disii                        
hai susutu a vuci  cchiù  forti pi  fariti sintiri                            
e  ora s’ arrivata a  stu presenti……                                                     
Stasira  a luna mi talìa un po’ cummisirata                  
pari  chi mi dici :                                                                              
“ povira illusa lu  sai  cchi di sta terra                                     
tu si na pilligrina  mal’ospitata.                                                      
e quannu  pari o to patrunu                                           
 Iddu  ti  dduna  u  ben  sirvitu?”                                 
   a luna u sapi                                                                                               
a luna sapi  tuttu                                                                                           
picchì  è  ‘na  vita cchi  ci ha  ussirvatu                                    
‘n   sta  terra  tutti  su  affannati                                                   
e currunu   senza sciatu                                                                    
l’unu  cu  l’autru  si  scornunu                                                          
ma  a fini  ra  sstrata                                                                  
                 tutticosi  s’ hanna  lassari             
                        picchì  dun    purtuseddu  picciulu  picciulu                                  
s ‘avi attravirsari                                                                                          
 dunna  sulu  l’anima  po  passari….                                                 
chistu  a  luna  stasira   mi voli diri                            
 mentri  cumpassata  mi talìa.                                                            
(Cetty)




·       
                                           stasera la luna sembra che mi parli                                                                                                                 mi guarda con gli occhi socchiusi                                                                                                      E con la bocca aperta :cosa mi vuole dire?
                                     forse di dimenticare  gli affanni e non soffrire                                                                                   perché la vita scorre veloce
                                            ed una mattina senza preavviso
                                                   ti trovi  in un'alta dimensione                                                                                                          ti sei affannata per costruirti    una posizione
                                                   hai lottato per realizzare i tuoi desideri      
                                                   hai gridato forte per farti ascoltare
                                                ed ora sei  arrivata a questa  realtà      
                                     Stasera la luna mi guarda  con compassione  
                                                      sembra dirmi:
                                     “povera illusa  lo sai che in questa terra
                                                     Tu sei una pellegrina non ben ospitata
                                           e quando sembra opportuno al tuo capo
                                                     Egli ti  dà il benservito
                                                     la luna  ciò lo sa bene                                                                                                                       la luna conosce ogni cosa
                                    perché  è da  tempo che ci ha osservato
                                                   in questa terra tutti si affannano
                                                                  e corrono a perdifiato                                                                                                si scontrano l’uno con l'altro                                                                                                                                                                            ma alla fine del nostro cammino           
                                                               tutto si deve lasciare
                                              perché da un buchino piccolo piccolo       
                                                                 si deve transitare
                                                  da dove solo l’anima può passare
                                                    ciò la luna stasera vuol dirmi                                                                                mentre compassionevole  mi guarda
(Cetty)

32 commenti:

  1. Cara Cettina, ancora una bellissima poesia, che esprime un forte sentimento romantico, complimenti di tutto cuore.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso ti ringrazio per i tuoi complimenti e la presenza molto gradita

      Elimina
  2. Bella questa poesia,è la realtà che viviamo tutti,forse ci aiuterà a vedere le cose in modo diverso e con più distacco.Brava ,un abbraccio.
    Giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giusy è proprio vero bisogna guardare gli orpelli con distacco . Un caro abbraccio

      Elimina
  3. Un meraviglioso vernacolo, in cui l'espressione di un astro importante, si fa portatrice di sentimenti profondi...
    Molto bella questa tua, buona domenica e un abbraccio, mia cara, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Silvia ti ringrazio per le tue affettuose parole ti saluto e ti abbraccio.

      Elimina
  4. complimenti per questi stupendi versi
    ciao buon fine settimana
    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tiziano ti ringrazio e ti auguro una buona settimana.

      Elimina
  5. Angosciante questa bellissima poesia. C'è il senso di un destino fatale che tutti gli uomini accomuna e che li rende degni di compassione, perché fingono di dimenticarlo e si affannano a raggiungere e a volere chissà che. Ancora più commovente perché scritta in siciliano, il cui suono è di una dolcezza straniante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ambra carissima quanta verità nel tuo commento che condivido. Un bacio

      Elimina
  6. Talvolta, quando sui tetti scendono le prime ombre della sera e i suoni intorno diventano ovattati, si sente il bisogno di far silenzio anche dentro di sé.
    E' allora che può avviarsi un dialogo col firmamento ed in particolare con la luna, l'astro più caro, perché con la sua forma tondeggiante somiglia a un viso aperto, benevolo, disposto ad ascoltare e a consigliare.
    Tanti poeti si rivolgono ad esso, anche l'autrice di questi versi, che affida alla lingua siciliana uno sfogo autentico, sincero, a tratti toccante, sfogo che, grazie alla musicalità della parlata, sembra sciogliersi liricamente in canto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Antonio la tua apprezzata e ben articolata rilettura fa da cornice ai miei sentimenti. Grazie ed un affettuoso saluto

      Elimina
  7. Una bella poesia siciliana...soffermiamoci alle belle cose della vita, non ci affanniamo solo alla ricerca di cose materiali.
    Ciao Cettina un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo cara Francesca per la tua filosofia di vita "soffermiamoci alle cose belle della vita " . Un abbraccio

      Elimina
  8. Ciao Cettina, un dialogo molto toccante,
    Con la nostra dipartita le cose terrene non ci appartengono più, su questo occorrerebbe soffermarsi.
    Il dialetto da molta più efficacia ai versi.
    Complimenti Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rakel ho gradito il tuo commento che in quanto siciliana ne leggi il giusto significato. Ti abbraccio e ti auguro una buona settimana

      Elimina
  9. Uh, molto bella e detta in siciliano, secondo me, rende ancor di più. Sembra quasi la raccomandazione di una saggia nonna che parla ai nipoti consigliando loro di non affannarsi con i beni materiali che certamente lassù non possono seguirci. Mi hai fatto ricordare una filastrocca che mi recitava il nonno e parlava della luna, ma non riesco a trovarla se non una versione molto più breve: luna luna santa luna del cielo siete padrona.....La conosci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna Marina hai dato una bella rilettura ai miei versi . Mi chiedi di una filastrocca ,ma non la conosco..
      Grazie per la tua presenza,un abbraccio

      Elimina
  10. Cara Cetti se tutti almeno ogni tanto pensassimo a quanto breve è la vita ed ai valori veri come gli affetti dei nostri cari, ci arrabbieremmo di meno, godendo invece delle piccole cose!! un bacio M.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mariagrazia è vero dobbiamo godere di ciò che la vita ci offre ogni giorno.
      Ti abbraccio

      Elimina
  11. Un bel dialogo con la luna il tuo Cetty. Accorato e quasi colme di devozione...
    E' vero "la luna vede tutto e sa tutto...perché è una vita che ci guarda"

    Sta a noi non deluderla!

    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pino sono d'accordo con te non deludiamo chi ci vuole migliori. Ti saluto e ti auguro una buona settimana

      Elimina
  12. Ciao Cettina,
    ma che belli questi versi. Un dialogo superbo, complimenti!!!
    buon inizio settimana mia cara ;)
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Audrey grazie per il graditissimo commento ,ti abbraccio e ti auguro una buona settimana.

      Elimina
  13. Che bella questa poesia ^^ Sono completamente affascinata dalla luna e i tuoi versi me ne hanno fatto innamorare ancora di più!
    Complimenti!
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara amica per il commento e la tua gradita presenza. Un caro abbraccio

      Elimina
  14. Bellissima Cettina,
    e come al solito l’originale (vernacolo o dialetto?) è così incisivo da stupire.
    Ah, quel “povera illusa...” (che vale per tutti noi e che ci conduce all’inevitabile “...buchino piccolo piccolo...” ) è la grande sintesi e il severo monito per spendere al meglio la nostra esistenza.
    Brava Cetty.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Vittorino ,come sempre i tuoi commenti mi gratificano,grazie ancora per la tua sempre gradita presenza.
      Un affettuoso saluto

      Elimina
  15. Versi toccanti che mi hanno commossa!
    Un forte abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Beatrice per la tua cara presenza. Un abbraccio

      Elimina
  16. Musicale e profonda riflessione. Adoro le poesie in dialetto! Vivere non è solo affannarsi ma respirare ogni momento nella sua unicità...
    Rosanna g

    RispondiElimina
  17. La musicalità del dialetto aggiunge una nota ancora più profonda alle tue considerazioni.La luna, testimone muta ma non assente,accoglie i nostri silenzi e pare segua i nostri pensieri,le nostre riflessioni.Passiamo,come meteore,nel tempo,ma costruiamo sogni di eternità.

    RispondiElimina