Visualizzazione post con etichetta emozioni. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta emozioni. Mostra tutti i post

venerdì 6 gennaio 2017

PROCELLA





….e poi arrivi tu
folata di vento
scompigli le carte
 sconvolgendo
 muto ordine stanco
in quell'aprire e chiudere
usci serrati da battenti
di lucido ottone
al di là del muro
sciorina ed abbaglia
nell'intermittenza casuale
fascio di alitante cosmicità
dalle sfumature turchineggianti
che calamitando in profondità
spazza resti sterili
d’uno spaccato abbandono
(Cetty)

mercoledì 10 agosto 2016

NOTTE DI SAN LORENZO




Mormorio di note luminose
nel candore lunare
miriadi di nastri
incorniciati dal nulla
cascate di lacrime
che irrorano l’anima
sfavillio accecante
in una notte d’Agosto
Il cuore attonito vibra
nel brulichio dei sensi
nascono nuove stelle
intriganti e misteriose
in un silenzio atavico
che parla e seduce
in un non luogo
ove si ricamano
paesaggi di un’anima
sedotta ed ubriacata
dal mosto inebriante
d’insana passione
mentre fontane
vivide di luce
avvolgono e dissetano
i tuoi desideri celati
in un intimo scrigno di seta
e dalle scie di stelle liberati
in una magica notte d’ attesa
si riproducono con causalità
effimera ma appagante
in stili di vita
lenitivi ed armonizzanti

(Cetty)





domenica 12 giugno 2016

SCRIGNO

(dal web)

scrigno muschiato
di substrati emotivi
cela in custodia
fogli di pergamena
arricciati d'abbracci
nel lungo incedere
di passi danzanti
con la musica del cuore
sulla scala cromatica
di intimi arcobaleni
tavolozza surreale e poetica
combinazione straordinaria
d' eccelsi sentimenti sfavillanti
come piccole luci in un cielo notturno
(Cetty)

sabato 23 gennaio 2016

TRAVAGLIO

Sul vostro egoismo
ho costruito
la mia casa,
testuggine di pietra
in balia di onde
tempestose e roboanti.
Mi lascio trascinare
da un porto all'altro,
ma riprendo
sempre la meta
riaffiorando
dal cupo solco
da dove poi sprofondare
negli abissi dell'inquietudine.
Mentre vago
tra la spuma dell'indifferenza,
una sottile scia di luce
mi cattura,
mi avvolge
in una vorticosa spirale
e mi trascina
dove il profondo
mi confonde
mentre una brezza leggera
mi bacia.
Oh! grembo materno
mai dimenticato...
Oh! senso di quiete eterna
dagli anfratti stanchi...
mi culla
una ninna nanna
mai ascoltata
pervasa di forti
e penetranti odori
che mi stordiscono.......


(Cetty)

lunedì 12 ottobre 2015

RICERCA

Dove vai,
spinta dal vento
fra le foglie argentee
di rami filiformi
protese nel cielo
dal grigio pallore,
perle di sale
 han ricamato
 i tuoi occhi,
occhi sfavillanti di luce .
Immagini sbiadite
 si confondono e si perdono
diapositive del passato
 dai contorni sfocati,
flash colorati
 di un presente
 appena assaporato.
Festival della vita,
che ti sublima e confonde
 in un girotondo di passioni,
altalena di gioie e rimpianti;
lo osservi
 nello specchio della mente
spettatrice inconsueta,
 mentre la tua anima
 vi è scivolata dentro...
(Cetty)

lunedì 27 luglio 2015

NOTTE D'ESTATE




Pullula il cielo
in uno sfavillio luminoso
il cuore batte
 a mille l’ora...
Rimbomba in lontananza
il suono della campana stanca:
è mezzanotte.
Notte ardente di desiderio
inebriata dall'odore forte di gelsomino.
La mia anima è tesa
come il mio corpo,
mentre il vento,
pianista sconosciuto,
suona lenta un'armonia
scuotendo le foglie del pioppo
in una danza
 sinuosa e leggiadra,
e, si poggia, sfiorandola,
sulla pelle appiccicosa e calda,
ammaliandola fino allo spasimo.
Tutto ora è compatto ed informe:
il tempo, la vita, il destino.......
vengo assorbita ed annullata
nell'immediatezza del sogno...
Oh! mistero arcano della vita.
Oh! infinita nostalgia...
Profondo fascino
delle miserie umane.
Danzate con me
 creature del buio,
invisibili fantasmi dei sogni,
corriamo uniti
 nella notte infinita,
addormentiamoci stanchi
 su un verde prato
per non svegliarci più...

(Cetty)

sabato 10 gennaio 2015

A LUNA

(dal Web)

        Stasira  a luna  pari che   mi   parra                                          
       mi  talia  cu l’occhi   a  vanidduzza                                            
e  ca vucca  aperta: chi  mi  voli  diri…?                               
forsi  di scurdarimi   i  peni e  nun  suffriri                    
 picchì  a  vita scurri e vola                                                                      
e  na  matina  sinza  priavvisu                                                           ti trovi intra ‘natra dimensioni                                 
                
t’hai  affannatu  pi  costruiriti  na  posizioni                                   
hai cumbattutu  pi putiri  acchiappari  i to disii                        
hai susutu a vuci  cchiù  forti pi  fariti sintiri                            
e  ora s’ arrivata a  stu presenti……                                                     
Stasira  a luna mi talìa un po’ cummisirata                  
pari  chi mi dici :                                                                              
“ povira illusa lu  sai  cchi di sta terra                                     
tu si na pilligrina  mal’ospitata.                                                      
e quannu  pari o to patrunu                                           
 Iddu  ti  dduna  u  ben  sirvitu?”                                 
   a luna u sapi                                                                                               
a luna sapi  tuttu                                                                                           
picchì  è  ‘na  vita cchi  ci ha  ussirvatu                                    
‘n   sta  terra  tutti  su  affannati                                                   
e currunu   senza sciatu                                                                    
l’unu  cu  l’autru  si  scornunu                                                          
ma  a fini  ra  sstrata                                                                  
                 tutticosi  s’ hanna  lassari             
                        picchì  dun    purtuseddu  picciulu  picciulu                                  
s ‘avi attravirsari                                                                                          
 dunna  sulu  l’anima  po  passari….                                                 
chistu  a  luna  stasira   mi voli diri                            
 mentri  cumpassata  mi talìa.                                                            
(Cetty)




·       
                                           stasera la luna sembra che mi parli                                                                                                                 mi guarda con gli occhi socchiusi                                                                                                      E con la bocca aperta :cosa mi vuole dire?
                                     forse di dimenticare  gli affanni e non soffrire                                                                                   perché la vita scorre veloce
                                            ed una mattina senza preavviso
                                                   ti trovi  in un'alta dimensione                                                                                                          ti sei affannata per costruirti    una posizione
                                                   hai lottato per realizzare i tuoi desideri      
                                                   hai gridato forte per farti ascoltare
                                                ed ora sei  arrivata a questa  realtà      
                                     Stasera la luna mi guarda  con compassione  
                                                      sembra dirmi:
                                     “povera illusa  lo sai che in questa terra
                                                     Tu sei una pellegrina non ben ospitata
                                           e quando sembra opportuno al tuo capo
                                                     Egli ti  dà il benservito
                                                     la luna  ciò lo sa bene                                                                                                                       la luna conosce ogni cosa
                                    perché  è da  tempo che ci ha osservato
                                                   in questa terra tutti si affannano
                                                                  e corrono a perdifiato                                                                                                si scontrano l’uno con l'altro                                                                                                                                                                            ma alla fine del nostro cammino           
                                                               tutto si deve lasciare
                                              perché da un buchino piccolo piccolo       
                                                                 si deve transitare
                                                  da dove solo l’anima può passare
                                                    ciò la luna stasera vuol dirmi                                                                                mentre compassionevole  mi guarda
(Cetty)