lunedì 19 settembre 2016

SPECULAR

(dal Web)

Batte l'onda sulla sabbia striata
disegnando arabeschi fatui
nel ritmato andirivieni
di sonorità cadenzate
in quel narrare
fisionomie indistinte
di una storia vissuta
in dinamiche speculari ed incisive
sfogliando tra pagine e pagine
di un antico libro rivisitato
nella cronachistica attualità
dove punteggiature sovrabbondanti
s'alternano nella variabilità cromatica
di diverse sfumature
orditi di vita affiorate
dalla sabbiosità dell'essere
mentre il sole ripercorre l'arco ciclico
con indifferente maestosità
e regala brillanti a cumuli diafani
(Cetty)

8 commenti:

  1. Cara Cettina, come non posso farti i complimenti, questa splendida poesia rispecchia le tue grandi doti, che con bellissimi versi crei una così bella poesia.
    Ciao e buona settimana cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso spero che stai bene ,un caro saluto ed a presto.

      Elimina
  2. Brava Cettina.
    La poesia ha tanti richiami misteriosi.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mistero della vita in cui siamo immersi.
      Ciao

      Elimina
  3. E un piacere leggere questi stupendi versi
    Ciao un amichevole abbraccio
    Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziano per il gradito commento un caro saluto.

      Elimina
  4. Il moto dell'onda che richiama il dinamismo della vita, con le sue pulsioni, le sue passioni, i suoi incessanti ritmi, mentre il sole con le sue albe ed i suoi tramonti scandisce - superbamente ma inesorabilmente - il trascorrere del tempo.
    I miei più sinceri complimenti per questo brano ispirato, armonioso e "rotondo".

    RispondiElimina
  5. Nel ringraziarti per il graditissimo commento ti auguro una buona domenica.
    Un carissimo saluto

    RispondiElimina