mercoledì 31 ottobre 2012

Per la notte di Halloween: crocchette di zucca gialla

Ricavare da una bella fetta di zucca la polpa,tagliarla a tocchi e lessarla,scolare e schiacciare con la forchetta.
Versare la purea in una ciotola ed aggiungere un bel pò di parmigiano, una manciata di prezzemolo tritato, un uovo intero, e della mollica, tanto quanto basta ad ottenere una consistenza compatta,ed infine aggiustare di sale e pepe.Amalgamare il tutto e friggere servendosi di un cucchiaio.
Consumare calde con un contorno di rucola.
Buon appetito!

giovedì 25 ottobre 2012

FERDINANDEA l'isola che non c'è






La storia di quest'isola risale al 1831, quando nel tratto di mare del canale di Sicilia a circa 30Km (16 miglia) da Sciacca e 55Km (29 miglia) da Pantelleria a seguito di un'eruzione sottomarina originata dal vulcano"Empedocle"e dopo emissioni di lapilli,  lava, e colonne di fumo, dalle acque emerse un'isola alta circa 60m. e dalla circonferenza di 4km.
Ne furono testimoni equipaggi delle navi in transito , fra cui i capitani Trafiletti e Corrao.
La notizia si diffuse subito in Europa ed alcune nazioni si interessarono al suo possesso per procurarsi punti strategici sul Mediterraneo sia mercantili che militari: l'Inghilterra per prima, piantò sulla superficie   la propria bandiera chiamando l'isola "Graham"a questo punto, Ferdinando 2°di Borbone,Re delle due Sicilie, ne rivendicò il possesso come territorio dello stato borbonico.
 Tuttavia, dopo qualche mese, anche la Francia inviò una flotta per delle ricognizioni e rilievi: i francesi dopo aver esplorato l'isola, la chiamarono "Julia" e posero una targa e, a futura memoria, vi piantarono la bandiera, ma il re Ferdinando reclamandone il possesso inviò una nave bombardiere al comando del capitano Carrao, il quale arrivato sull'isola, piantò a sua volta la bandiera borbonica, e la battezzò con il nome Ferdinandea in onore del re.
La nascita dell'isola suscitò molto clamore e diede origine a rivalità tra queste nazioni.
Intanto tra il mese di ottobre e novembre ,essa cominciò a ridursi nelle sue dimensioni a causa della composizione del suo materiale friabile ,fino a scomparire nei primi di dicembre dello stesso anno.
Essa è riemersa e scomparsa nel 1846 e1863. Nel 1968, dopo il terremoto nella valle del Belice le acque attorno al banco di "Graham"(come è chiamata la piattaforma rocciosa a 6 metri sotto il livello marino) hanno cominciato a ribollire e, pensando che l'isola potesse riapparire ,si è notato uno strano movimento di navi britanniche. A questo punto una spedizione subacquea mandata dalla Sicilia pose sulla superficie inabissata questa targa: "QUESTO LEMBO DI TERRA UNA VOLTA ISOLA FERDINANDEA ERA E SARA' SEMPRE DEL POPOLO SICILIANO" Adesso sulla cima del vulcano sommerso spicca la bandiera italiana.
Ma la sua storia non è ancora finita……..


venerdì 19 ottobre 2012

NOTTE D' ESTATE

       Pullula il cielo
                                                                 in uno sfavillio luminoso
                                                                 il cuore batte a mille all'ora...
                                                                  Rimbomba in lontananza
                                                                 il suono della campana stanca:
                                                                           è mezzanotte.
                                                                 Notte ardente di desiderio
                                                        inebriata dall'odore forte di gelsomino.
                                                                    La mia anima è tesa
                                                                      come il mio corpo,
                                                         mentre il vento,pianista sconosciuto,
                                                                   suona lenta un'armonia
                                                              scuotendo le foglie del pioppo
                                                             in una danza sinuosa e leggiadra,
                                                                   e,si poggia sfiorandola,
                                                               sulla pelle appiccicosa e calda,
                                                              ammaliandola fino allo spasimo.
                                                           Tutto ora è compatto ed informe:
                                                               il tempo,la vita,il destino...
                                                                 assorbita ed annullata
                                                              nell'immediatezza del sogno...
                                                           Oh! mistero arcano della vita.
                                                                    Oh! infinita nostalgia...
                                                        Profondo fascino delle miserie umane.
                                                          Danzate con me creature del buio,
                                                                invisibili fantasmi dei sogni,
                                                          corriamo uniti nella notte infinita,
                                                   addormentiamoci stanchi su un verde prato
                                                              per non svegliarci più.....


mercoledì 17 ottobre 2012

MANDARINETTO ALLA GRAPPA



Mettere a macerare, in un capiente contenitore di vetro, dove è stata versata 1 litro di buona grappa casalinga,le bucce di circa 18 mandarini,non trattati,una stecca di cannella,2 foglie di alloro,una manciata di chiodi di garofano e lasciateli in un ambiente fresco e buio per circa due settimane.Trascorso questo periodo fate uno sciroppo facendo bollire lentamente 1 Kg di zucchero in 1 litro di acqua,fate raffreddare e versate lo sciroppo ottenuto nel contenitore:filtrate molto bene e conservate in frigo.

martedì 9 ottobre 2012

QUESITO

Caro internauta,fermati un attimo a riflettere su questo quesito:Al giorno d'oggi è essenziale
ESSERE o APPARIRE? Rispondimi!

domenica 7 ottobre 2012

LA RICETTA DELLA SETTIMANA

                                      FARFALLE AL PESTO DI SPINACI

Pulire,lavare e cuocere circa gr.500 di spinaci .Mettere,quindi, in un bicchiere da mixer gli spinaci già cotti e passati in padella con olio o burro e sale (q.b.), una manciata di pinoli o noci, un bel cucchiaio
di parmigiano ed un bicchiere di latte freddo. Mixare il tutto fino a ridurre in crema.
Cuocere gr.400 circa di farfalle,scolarle, condirle con il pesto e spolverare il tutto con scaglie di
parmigiano.
                     BUON APPETITO  

venerdì 5 ottobre 2012

Le ali del tempo


LE ALI DEL TEMPO

 
Ho camminato sulle ali del tempo
ridisegnando parole mute,
ho inseguito pensieri sfuggiti,
ho assemblato l'arcano e il nuovo
nel concerto durevole
dei sogni mai sopiti.
Ho riscritto nella tela del vento
furioso e lieve;
danzando senza veli
ho rivisto la mia anima
nuda ed indifesa
sfidare la Gorgone fiera
combattendo nel rifugio della mente
dove reconditi pensieri
stringevano il cuore
nel tumulto passionale dei sensi.
Poi nel buio del mistero
ho ricamato una trina d'argento
e nel gioco della vita
cristalli d'acqua frantumati
han velato l'inquietudine ed il tormento
nell'altalena magica di un armonioso sogno.

Estate infuocata





Tra le zolle brune,
filari di aride sterpaglie
disegnano sentieri misteriosi,
l'odore acre dei covoni arrotolati
si mischia e sovrappone 
alla menta selvatica di un cespuglio nascosto
mescolanza olfattiva dei tuoi sensi sopiti.
Dal paese attorcigliato alla collina
il suono della campana inonda l'aria sciroccosa,
dove uno stormo di passeri si rincorre e sparisce.
Tu sei lì,impercettibile presenza,
affascinata e soggiogata:
odori e sapori miscelati
in un nettare bevuto a piene mani
ambrosia della felicità,
dell'infanzia ritrovata e mai perduta,
gusto dell'uva pigiata a suon di nenie,
odore di mostarda stesa ad asciugare al sole,
pomodori e basilico
vocio di donne e bambini  
nelle stradine dai muri roventi,
gatti sornioni addormentati all'ombra:
tua madre dal seno profumato e caldo
i tuoi occhi di bimba incantata......
Estate infuocata.....